Fondere i gioielli in lingotti: conviene davvero?

Un tesoro in lingotti: si considera un investimento sicuro...ma sempre?
trasformare oro in lingotti:
Valerio Saltari

Reviewed by:
Rating:
5
On 26 luglio 2017
Last modified:8 settembre 2017

Summary:

Perchè si sconsiglia la pratica di fondere i gioielli 18 carati per ottenere lingotti 24 carati? Tutte le motivazioni dei Compro Oro.

Salve Valerio: ho dei gioielli di oro 750 e sono indeciso se trasformarli in dei lingotti e venderli così o se venirli a vendere da te come sono. Vorrei un consiglio prima di vendere: tu cosa suggerisci?

Questa è una richiesta specifica arrivata via mail da un cliente del Compro Oro OroLive, che però mi viene fatta spessissimo. Si tratta, infatti, di un’opzione presa in considerazione da molti possessori di oro semplice, probabilmente perché se ne legge su internet.

Prima dei lingotti: tutti i segreti della fusione

Per rispondere a questa domanda, innanzitutto, bisogna conoscere il processo della fusione cui è destinata quasi tutta la gioielleria che arriva presso i Compro Oro. I motivi per cui questi gioielli, di certo composti di oro ancora valido, vengono comunque fusi, sono principalmente due:

  • L’ORO SI RINNOVA: l’oro è un metallo che non perde le sue caratteristiche se viene fuso. Anche fondendolo più e più volte è possibile creare gioielli e oggetti sempre nuovi che seguono meglio le mode.
  • ALCUNI GIOIELLI SI RIVENDONO: alcuni Compro Oro si sono specializzati nella rivendita di alcuni dei gioielli che sono stati lì venduti, dopo averli rigenerati, come la gioielleria OroLive. Solo che sono rivendibili solo pochi gioielli (quali?), proprio in base al dettame delle mode. Tutti gli altri gioielli non rivendibili, vengono automaticamente fusi.

Lingotti di oro fino (puro) di 24 carati ktOra, quel che può accadere è: hai dell’oro usato di 18 carati (750), una certa quantità, senza pietre preziose. Sai/ti hanno detto/hai letto che puoi portarlo in una fonderia per fonderlo e trasformarlo in un lingotto di oro puro 24 carati (999). È di certo una soluzione affascinante! Gioielli usati e fuori moda in cambio di lingotti nuovi e luccicanti.
Vendere i primi non è certo la stessa cosa che vendere i secondi!

Ma è a questo punto che nasce la domanda dei miei clienti che ha aperto l’articolo.

Fondere i gioielli e trasformarli in lingotti, conviene? Cosa consiglio?

La possibilità di ottenere lingotti in oro 24 carati da dei semplici gioielli in oro 18 carati potrebbe trarre in inganno il cliente poco attento. Poiché è noto che la quotazione dell’oro 24 è più alta di quella 18, si potrebbe pensare: “vendendo i lingotti, guadagnerò di più“.
Ma è un’idea sbagliata!

Infatti non si tiene conto che la fusione funziona in proporzione all’oro che si porta a fondere!
Ti spiego: 100 grammi di oro 750 equivalgono a 75 grammi di oro 999, non a 100 grammi di oro 999!

Questo perché dopo la fusione si procede alla affinazione, procedimento che permette di dividere l’oro (che diventa in questo modo puro) dalla lega. Nel caso di oro 750 (18kt) si perdono circa 25 grammi di altri metalli usati per la lega (argento, rame…).

Per questo motivo non si deve credere che portando in fonderia un certo peso di oro semplice, se ne uscirà con lo stesso peso in oro fino! Ricordatevi questa proporzione e sarà facile valutare quanto oro otterrete in lingotti.

Venendo a mancare questa convenienza, ti consiglio di vendere il tuo oro così come è.meglio vendete i gioielli che i lingotti

Due motivi per cui non fondere in lingotti

  • il valore non cambia: dopo la fusione e la lavorazione in lingotto, il valore dell’oro che possiedi NON sarà aumentato solo perché da oro 18 carati si è passati a oro 24 carati. Facendo infatti un calcolo veloce sulla quotazione di Borsa di oggi, 100gr di oro 18 ti verrebbero valutati attorno ai 2590€. E 75gr di oro 24? Esatto. Hai capito bene: 2590€.
  • i costi di fusione in lingotti: a carico di chi richiede la fusione dei propri gioielli ci sono i costi di fusione e di affinatura, cioè il processo di trasformazione in lingotto (da oro in lega a oro puro).

Tuttavia, alcuni di voi potrebbero desiderare comunque di trasformare i propri gioielli in lingotti, nonostante io lo sconsigli. I lingotti, infatti, sono un bene da investimento e possederne dà di certo dei vantaggi. Solo che prima di farlo è bene conoscere due piccole questioni.

Rivendere i lingotti: alcune difficoltà

Se avete deciso di convertire i gioielli in lingotti per rivendere questi ultimi nell’immediato o in futuro, sappiate che potrete incontrare un paio di difficoltà:

Solo presso strutture accreditate è possibile fondere lingotti e sterline

  • i lingotti vengono considerati oro da investimento dallo Stato italiano e perciò non possono essere venduti nei normali Compro Oro, dove invece possono essere venduti tutti i gioielli. Dei lingotti si possono occupare esclusivamente le fonderie e i banchi metalli accreditati presso la Banca d’Italia.
  • la vendita dei lingotti deve sottostare alla verifica antiriciclaggio che, lasciatemelo dire, può risultare invasiva: agli enti che si occupano dell’acquisto, infatti, dovrete spiegare chi siete, che lavoro fate, come siete venuti in possesso dei lingotti, perché volete venderli, eccetera… Sono tutte informazioni richieste per LEGGE, ma di certo non dovrete rispondere a queste domande portando dei gioielli in un Compro Oro!

Per concludere e rispondere brevemente alla domanda del mio cliente in apertura: suggerisco di vendere l’oro in forma di gioielli e non dopo la trasformazione in lingotto.
Come e dove vendere al meglio i tuoi gioielli? Ecco qui delle utili raccomandazioni per la scelta del migliore Compro Oro, soprattutto dopo il 5 luglio 2017.

 

Perchè si sconsiglia la pratica di fondere i gioielli 18 carati per ottenere lingotti 24 carati? Tutte le motivazioni dei Compro Oro.

Be the first to comment on "Fondere i gioielli in lingotti: conviene davvero?"

Leave a comment

Your email address will not be published.

*